Milano, 8 maggio, il futuro è servito (al tavolo)

Milano 8 maggio
Michele Caprini
13 mag 2019

La decima edizione di Milano Food Week, come previsto, ha fatto il botto. La città ha accolto oltre 120 mila persone, il 20% in più dell’edizione 2018, in vari punti della città e per centinaia di eventi diversi.

Nell’ultimo giorno, Retex ha salutato la più importante ricorrenza nazionale del settore con un affollato incontro al Brera Clubhouse, “A cena con Retex”. 

Milano, 8 maggio, il futuro è servito (al tavolo)
aaaa
Milano, 8 maggio, il futuro è servito (al tavolo)

Il nostro partner Pyramid e brand quali Panino Giusto, Crudo e Hamerica’s hanno collaborato all’evento, centrato sulle ultime declinazioni tecnologiche della nostra offerta al mondo della ristorazione.

La mia citazione non famosa
Mario Verdi Rossini

La customer experience, allo stato dell’arte

Le soluzioni digitali presentate sono il risultato del lavoro degli ultimi 18 mesi, e rappresentano l’evoluzione, allo stato dell’arte, della “customer experience”.

Due le aree complementari trattate: la digitalizzazione “in store” del processo di vendita e i pagamenti elettronici tramite app e smartphone.

Nei ristoranti, i clienti tendono a premiare in misura sempre maggiore le opzioni di self-ordering. Niente più menu di carta e comanda del cameriere, le parole d’ordine (è il caso di dirlo…) irrinunciabili sono “app” e “chiosco”.

Un'unica applicazione, che integra web e chioschi, comporta bassi costi di adozione e mantiene alti i ricavi.

Nel ristorante

I chioschi consentono una maggiore precisione dell'ordine, un aumento considerevole del controllo da parte del cliente e un pagamento più veloce. Ciò significa più risorse dedicate al servizio, con l’opportuna, benefica ricaduta sul livello di soddisfazione dell’avventore.

L'ordine al tavolo, tramite dispositivi mobili, permette all’ospite di gestire e controllare in modo rapido e intuitivo la propria consumazione. Aggiungendo al tutto, peraltro, un gradevole effetto ludico.

Cibo da asporto e consegne

Per chi opera sul cibo da asporto, inoltre, è possibile aumentare le vendite offrendo al cliente il servizio digitale. Questo comprende la possibilità di ordinare e pagare tramite app mobile o sul sito di e-commerce, per poi ritirare il cibo in negozio.

L’integrazione degli ordini ai fornitori e dei servizi di consegna a domicilio completa il nuovo quadro tecnologico della ristorazione.

I vantaggi

Questo comporta diversi vantaggi, che nell’evento di Milano sono stati evidenziati con efficacia.

All’aumento delle vendite conseguente all’appeal del trattamento, per esempio, si associa la razionalizzazione del lavoro. Il personale impiegato in sala e in cucina è tra i primi beneficiari del miglioramento del processo.

L’economicità sicura è data dal risparmio sui dispositivi. Non servono terminali specializzati o tablet, basta lo smartphone del cliente. E il particolare riguardo riservato a questo si trasformerà facilmente in fidelizzazione. Opportunità in arrivo, per i gestori, anche dalla diffusione di messaggi pubblicitari.

L’ otto maggio, a Milano, il futuro si è servito al tavolo. Da solo.

 

Leggi anche "Ristorazione, più tecnologia e meno scooter"

retex